PUBBLICITA'

Motori

MOTORI

DS 7 CROSSBACK da DS Store Bergamo e Lario Bergauto

marzo 2019

Appariscente e ricca di cromature, DS 7 Crossback è un’auto che su strada non passa di certo inosservata. Gli stilisti della casa francese possono dire così di aver raggiunto il proprio obiettivo nel top della gamma DS: DS 7 Crossback è infatti un’auto che ha saputo farsi apprezzare dal pubblico per le doti di lusso, comfort e design moderno. Abbiamo provato la nuova vettura, nella versione 1.6 PureTech turbo benzina da 225 CV (abbinata esclusivamente al cambio automatico a 8 rapporti), nella splendida cornice di Città Alta e San Vigilio; l’auto ci è stata cortesemente fornita per l’occasione dalla concessionaria “DS Store Bergamo”, recentemente inaugurata e di proprietà di Lario Bergauto. Ad accoglierci Mauro Cortesi responsabile vendite DS che ci ha fornito indicazioni, informazioni e  consegnato le chiavi. Lusso e tecnologia, dentro la DS7 Crossback, sono un coppia ben assortita grazie ad un design moderno e sofisticato. E poi ci sono due schermi da 12 pollici che rubano la scena: il primo, dietro il volante, è configurabile a piacimento e può mostrare la navigazione, i dati di marcia, la radio, il contagiri o la combinazione di vari indicatori; il secondo racchiude invece tutte le restanti funzioni, clima e navigazione compresi. La tecnologia è senz’altro un punto forte della DS7 Crossback, che può contare su dispositivi come il Driver Attention Monitoring che percepisce i segnali di distrazione del conducente emettendo un avviso sonoro. Ma c’è anche il Night Vision, raro in un SUV di segmento C, che consente di vedere di notte oltre le capacità dell’occhio umano. Chiaramente la qualità dei materiali è fondamentale in una DS, così come la lavorazione Point Perle che riprende quella dei pellami pregiati francesi. Anche l’orologio B.R.M. R180 con sistema di rotazione è un dettaglio fondamentale per comprendere il valore premium del Marchio. I passeggeri posteriori possono inoltre godere di molto spazio, mentre il bagagliaio da 555 litri (1.752 con i sedili abbattuti) soddisfa ogni esigenza. Per quanto riguarda il comportamento dell’auto alla guida, fin dai primi metri risulta molto diversa dalla sue sorelle minori: lo sterzo è più leggero e preciso e il raggio di sterzata è davvero incredibile per un’auto di queste dimensioni, davvero un bel vantaggio per chi utilizza l’auto in città. La fluidità e la reattività con cui si esprime sono, ovviamente, influenzate dalle modalità di configurazione vettura (Eco, Normale, Comfort e Sport), che si riflettono anche sul cambio che, a volte, in scalata perde parte della sua costituzionale fluidità, sullo sterzo e sulle sospensioni a controllo elettronico.Tuttavia, anche quella che promette d’imprimere maggiore incisività e coinvolgimento nella guida non arriva mai a mettere in discussione il principale atout su cui punta la DS 7 per farsi largo: il comfort. Nelle modalità Comfort e Normal sembra di viaggiare su un cuscinetto d’aria; dossi e buche non le fanno paura, anche perché il sistema DS Active Suspension (che legge l’asfalto davanti a voi e adatta le sospensioni di conseguenza) riesce ad “appiattire” le asperità con grande efficacia. Il motore ha tanta coppia fin dai bassi regimi (i 300 Nm sono disponibili già a 1.900 giri) e in modalità Sport l’auto si tende leggermente ma non diventa affatto dura. La risposta all’acceleratore invece cambia parecchio e il 1.6 turbo si fa più pieno e vigoroso, allungando con entusiasmo fino alla zona rossa del contagiri. Da ferma ci impiega 8,9 secondi per raggiungere i 100 km/h, con una ripresa che rappresenta la sua dote migliore. Abbinato a questo motore troviamo un ottimo cambio automatico EAT8 a 8 rapporti perfetto in città e pronto a cambiate fulminee quando richiesto. Insomma, la DS7 Crossback è un salotto davvero piacevole da guidare, sia in città, sia in strade più aperte. Sostanzialmente, rispetto al THP precedente, il Puretech da 225 cv della DS 7 Crossback consuma il 6% in meno: i dati omologati parlano di una media di 5,9 l/100 km, ovvero quasi 17 km con un litro di “verde”. Le emissioni di Co2 sono invece di 135 g/km, valori che lo rendono idoneo alla normativa Euro 6.2. La riduzione delle emissioni inquinanti avviene grazie all’utilizzo di un filtro antiparticolato GPF (Gasoline Particulate Filter) che riduce le emissioni di particolato arrivando a massimizzare l’efficienza del filtraggio. Gli interventi hanno riguardato anche la fluidodinamica: viene spostata esclusivamente la quantità minima di acqua e olio necessaria al motore in quel momento, così da ridurre le perdite di energia e mantenere sempre alto il livello delle prestazioni. I tecnici francesi hanno dunque perfezionato il sistema Valvetronic (alzata variabile continua delle valvole di aspirazione e fasatura variabile degli alberi a camme) e il pilotaggio delle iniezioni multiple (a 200 bar) è stato ottimizzato. Una nuova generazione di pistoni e spinotti rivestiti in DLC (Diamond Like Carbon) hanno invece permesso di ridurre gli attriti, mentre il turbo twinscroll ha ora un comando wastegate elettrico, per una resa migliore. A contribuire all’efficienza generale della DS 7 Crossback Puretech 225 cv c’è anche il nuovo cambio automatico a 8 rapporti EAT8, che tra 20 e 130 km/h viene scollegato, permettendo al motore di scendere fino al regime minimo quando si rilascia il gas. Disponibili per la vettura numerosi ADAS (Advanced Driver Assistance Systems). In modalità Eco utilizza il “free wheeling” (ritorno del motore al minimo, con disaccoppiamento del cambio quando si toglie il piede dall’acceleratore a velocità tra 20 e 130 km/h). Alessandro Belotti


Copyright © 2019, Bergamo Economia
PUBBLICITA'
PROVA SU STRADA
Nuova Jaguar XE
PUBBLICITA'